Come conservare le patate

Le patate tenute male raggrinziscono, diventano verdi, germogliano e, se superano davvero il limite emanano un odore mefitico come pochi. Mantenerle dunque più a lungo possibile diventa molto vantaggioso: ecco diversi consigli su come conservare le patate.

Buon senso

Attenzione

Se le patate germogliano o presentano chiazze verdi, meglio non consumarle a causa dell’alta concentrazione di solanina: una sostanza che, se consumata eccessivamente, può essere tossica e con sintomi piuttosto seri. Inoltre:

  • Siate attenti anche al momento di pelare una patata: se la polpa presenta zone verdi, eliminale tagliandole via;
  • Appena iniziano a germogliare, estirpate il germoglio e tenete d’occhio spesso la situazione;
  • Encomiabile il riciclo, ma evitate di dare buccia cruda o scarti ai vostri cani: la solanina fa male anche a loro. Potrete cuocere bene le bucce e dargliene una ogni tanto in mezzo alla pappa!

Temperatura

Fattore fondamentale nella conservazione delle patate è la temperatura: i tuberi sono nemici del gelo così come del caldo eccessivo, quindi l’ideale sarebbe trovare una posizione o una dispensa sui 10°C.

Poca luce

Le patate crescono sotto terra, è logico quindi immaginare che la luce diretta o troppo forte non sia loro amica: è necessario conservarle al buio, magari in cantina, oppure all’aperto ma in antri freschi e riparati dal sole.

Sacchetti di carta o panni di lino

Non lavatele

Molte persone, prima di mettere via le patate le lavano per fare in modo che queste non perdano residui di terra: meglio evitare, perché l’umidità durante la conservazione accelera l’invecchiamento dell’ortaggio.

In frigorifero?

Non è necessario né l’ideale, ma potrebbe essere una soluzione se fosse estate e anche gli altri di casa più reconditi si incendiano tanto sono caldi. Ricordatevi però la temperatura (non oltre i 10-12°C) e di riporle in un sacchetto di carta.

Codividi su
1
Salve, vorrei avere informazioni
Powered by